fbpx

Pellegrini Vini

Anno di fondazione

1925

Regione

Marche

Ettari coltivati a vite

2

Pellegrini Vini

http://1.cantinapellegrini.it/

La Cantina Pellegrini è situata a Morro d’Alba, un paese tra Senigallia e Jesi, in provincia di Ancona.  

CANTINA PELLEGRINI: VITICOLTORI A MORRO D’ALBA

  Pellegrini Vini ha una superficie di circa 4 ettari, di cui due vitati e impiantati con i vitigni autoctoni del territorio, per tre quarti a Lacrima di Morro d’Alba e per il restante quarto a Verdicchio dei Castelli di Jesi.   L’azienda è a conduzione familiare, nasce negli anni ’90, quando Aldo e Silvana Pellegrini decidono di dedicarsi alla produzione di vino. Grazie alla loro esperienza nel settore agricolo iniziano a commercializzare i loro prodotti, frutto degli uliveti e dei vigneti di proprietà a Morro d’Alba. Fino a poco tempo fa la vendita del vino era limitata a quello sfuso, in seguito capirono la qualità e le potenzialità dei terreni e delle uve e intrapresero un processo di crescita e di sviluppo, che portò nel 2015 alla prima annata di imbottigliamento.   Attualmente i proprietari, gestiscono l’azienda con l’aiuto dei figli, seguendo attentamente tutti i processi di lavorazione del prodotto con l’obiettivo di produrre vini autentici e genuini. Ciò implica l’utilizzo di tecniche agricole a basso impatto ambientale nel pieno rispetto della terra e alla natura, riducendo in questo modo l’uso di prodotti chimici e di interventi invasivi.   L’esposizione dei vigneti favorevole unita alle caratteristiche dei terreni argillosi contribuiscono a conferire struttura ed intensità aromatica alle uve e di conseguenza carattere ai vini.  

I VITIGNI: Lacrima di Morro d’Alba e Verdicchio dei Castelli di Jesi

  Pellegrini coltiva due vitigni autoctoni del territorio delle Marche.   La Lacrima di Morro d’Alba è un vino conosciuto fin dall’antichità, le prime testimonianze risalgono al 1167 quando Federico Barbarossa, durante l’assedio di Ancona, si rifugiò in queste terre. Gli abitanti offrirono all’imperatore i prodotti più prelibati del luogo, tra cui il famoso succo d’uva di Morro d’Alba.   Nel 1985 la Lacrima di Morro d’Alba ha acquisito la DOC, denominazione di origine controllata e sono stati fissati i parametri  necessari alla produzione corrispondenti per almeno l’85% all’utilizzo del vitigno Lacrima e per un massimo di 15% di Montepulciano e/o Verdicchio.   Il Verdicchio è un vitigno a bacca bianca coltivato quasi esclusivamente nelle Marche. Le principali zone di coltivazione sono, come in questo caso, quella dei Castelli di Jesi in provincia di Ancona e quella di Matelica in provincia di Macerata, dove viene prodotto invece il Verdicchio di Matelica. Il nome Verdicchio dipende dal colore dell’acino che resta verdognolo anche quando il frutto ha raggiunto la piena maturazione. Questo vitigno è ottimo per la produzione di bianchi sapidi, strutturate e longevi, ma si presta bene anche come base spumante sia Metodo Charmat che Metodo Classico. La denominazione DOC si ha nel 1968  

PRODUZIONE DI VINO DA UVE AUTOCTONE DELLE MARCHE

  La Cantina Pelligrini produce tre vini: la Lacrima di Morro d’Alba Doc Superiore, la Lacrima di Morro d’Alba Doc e il Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc.   I due vini rossi dell’azienda vengono prodotti da uva Lacrima e il vino bianco da uva Verdicchio.  

I PREMI

  Lacrima di Morro d’Alba DOC 2016 ha ottenuto 90/100 punti al Concorso Internazionale Five Star Wines organizzato dal Vinitaly, inserendosi così tra i migliori 300 vini al mondo.   Sempre l’annata 2016, è stata premiata con il Top Hundred da Paolo Massobrio e Marco Gatti che ogni anno selezionano 100 nuove cantine che meritano il podio, senza mai premiare quelle degli anni precedenti. Inserendosi nel libro “Vino: assaggi memorabili di quel giorno e di quell’ora“.